Prefazione VIII Edizione


“Per Terra” – dedicata al peperoncino

Mostra d’arte visiva 2014-2015 a cura di Mimma Pasqua e Maria Rosa Pividori
in collaborazione con l’Associazione Culturale DIECI.DUE!
nell’ambito del progetto “Natura permanente e la Cura”

“…dove si narra di un viaggio à rebours del peperoncino dalla Calabria all’Italia del Nord e del suo incontro col gelso”

La scoperta delle radici
Nel viaggio è insito il senso della scoperta, alimentato dalla curiosità e dal desiderio inesausto di conoscere e conoscersi, e che assume quindi un significato esistenziale senza il quale la vita appare inutile e disperante.
Il nome Terra! Seguito dal punto esclamativo richiama alla mente il grido esultante del marinaio della ciurma di Cristoforo Colombo alla vista della terra agognata, ma anche la meraviglia, poiché la riscoperta delle radici racchiude insieme all’intima e profonda affezione anche la sorpresa dell’ignoto. Per Terra! È anche il ricordo dell’infanzia giocosa e dell’adultità consapevole.


Il peperoncino come simbolo della Calabria
Poiché Tornare@Itaca non è un’ “operazione nostalgia” la visuale si allarga da Grimaldi e dalla Calabria di oggi alle prospettive del futuro del mondo, traendo
ispirazione dalla coltivazione di alcuni prodotti tipici quali il peperoncino, pensando un progetto visivo di nuove percezioni per EXPO 2015 dedicata alla nutrizione e
alla biodiversità in una prospettiva globale.


Il Gelso assunto come simbolo delle regioni del nord
Il gelso quale memoria, ma anche delimitazione spaziale dei campi, simbolo di trasformazione e cambiamento (baco da seta), ispirazione poetica per Pasolini e Olmi (Albero degli Zoccoli).


Regioni a confronto
Allargare la visuale prospettica vuol dire anche guardarsi intorno e andare lontano. E’ così che è nata l’idea di un dialogo fra realtà lontane geograficamente, eppure,
per assonanza di terre considerate “lontane”, “vicine” come Calabria e Friuli Venezia Giulia per poi portare il risultato creativo di queste nuove percezioni di colture/culture ad Expo 2015.


Sedi della mostra:

  • 19 Agosto – 20 Settembre 2014 – Palazzo del Comune Grimaldi (CS)
  • 21 Novembre – 6 Dicembre 2014 – Milano Zona 6 – Spazio ex Fornace, Alzaia Naviglio Pavese n.16
  • 12 Gennaio – 7 Febbraio 2015 – Cosenza – Museo delle Arti e dei Mestieri
  • 2015 (date da definirsi) – Vercelli – Museo Etnografico
  • 2015 (date da definirsi) – San Vito al Tagliamento – Museo Etnografico
  • 2015 (date da definirsi) – Udine – Museo Etnografico


Artisti:

Barzaghi Daniela – Barberis Milena – Bidese Marisa (FVG) – Bottino Max – Buratti Marina – Calegari Giulio – Cangiano Amalia – Cappanera Loretta (FVG) – Cerisara Ivana – Cibaldi Silvia – De Francesco Albino – De Palma Teo – Finetti Anna – Gordano Alessandro/Labate Nicola (Calabria) – Granata Alfredo (Calabria) – Larocchi Alessio – Lia Pino (Calabria) – Longo Elda (Calabria) – Magrini Marco – Marra Max (Calabria) – Negro Luigi Barquez (FVG) – Paonessa Vincenzo (Calabria) – Pasotti Gianni (FVG) –
Pepe Salvatore (Calabria) – Pescador Lucia – Pujia Veneziano Antonio (Calabria) – Ruggieri Antonello – Tomasi Fulvio (FVG) – Tripodi Franco (Calabria) – Verdirame Armanda – Veronesi Nicoletta – Vidoni Carlo (FVG) – Zabatino Mariangela

Musicista:

Vado Valerio (FVG) – Poeti: Gatto Mario – Gordano Franco – Magri Emanuele
Pepe Mario – Tomasi Fulvio – Zuccolo Andrea

Scrittori e Poeti:

Bianco Lorenzo – Cappanera Loretta – Celico Ada – Pasqua Mimma

Mimma Pasqua